Recupero Dati - GEA Informatica @ Reggio Calabria

Vai ai contenuti

Menu principale:







GEA Informatica offre il servizio professionale di Recupero dati presso i laboratori di InfoLAB Data di cui è partner commerciale e supporta il cliente dal contatto e in tutte le fasi del ciclo di lavorazione.

InfoLAB Data recupera dati da qualsiasi supporto non solo da hard disk, ma anche unità flash, schede di memoria SD/MMC, dischi SSD, Sistemi RAID, NAS, SAN, Nastri e Tape Library, CD/DVD/BLU-RAY, micro drive e dischi con settore non standard, Smartphone e Tablet e da tutti i sistemi operativi e file-system in commercio, sia esso di uso comune che proprietario e dedicato a complessi Sistemi Virtuali e Database.

Riesce ad ottenere con ampio successo il recupero di dati in seguito a formattazioni o cancellazioni accidentali, guasti meccanici o elettrici, attacchi di virus,
incidenti (incendi, allagamenti, ecc.).

Si avvale di attrezzature all’avanguardia (Camera bianca classe 100 e classe 10, apparati specializzati come il PC3000, il microscopio MF professionale e molto altro), personale tecnico altamente specializzato e di un fornitissimo magazzino di parti di ricambio.

Inoltre, effettua il recupero di dati anche da supporti obsoleti come per esempio i nastri audio/video o i dischi floppy, Iomega ZIP/JAZ e simili supporti una volta molto diffusi ma oramai diventati illeggibili per mancanza di hardware compatibile.

Il risultato è garantito nella massima trasparenza (procedura e costi chiari e precisi) e massima riservatezza (puntuale rispetto della Privacy).


Il costo del recupero dati dipende dal tipo di danno (logico o fisico), dal tipo di supporto e dalla sua dimensione, anche secondo l’urgenza.

Il Preventivo Anticipato personalizzato dipenderà in grande parte dalle informazioni fornite dal cliente e potrà essere espresso in forma di fascia di costo, sulla base delle modalità prescelta (per le aziende: Standard/Urgente/Economica; per i privati: Standard/Family) e del listino generale.

Il Preventivo Definitivo sarà stimato dopo la fase di Diagnosi che permette la valutazione del danno e delle possibilità di recupero con la stesura di una "file list" di file recuperabili e la conseguente conferma dei costi, metodi e tempi previsti per la conclusione del recupero.

La diagnosi è a pagamento solo nei casi previsti dal listino (vedi Regolamento).

SPEDIZIONE GRATUITA
(per il ritiro di Hard disk)
DIAGNOSI GRATUITA
(sempre per gli utenti privati e per tutti i supporti, tranne cellulari, smartphone e tablet)




_________________________________________________________________________________________________________


Recupero Dati da Hard Disk

L'Hard Disk (disco rigido) è il più delicato componete del computer. Nonostante gli hard disk siano più affidabili che in passato grazie alle moderne tecnologie, sussiste ancora il rischio che i dati vadano perduti, sia per guasti fisici sia per errori compiuti dall’utente, come ad esempio la cancellazione involontaria.
A secondo del tipo di danno riscontrato (fisico o logico), per recuperare i dati si ricorre alle procedure più opportune al caso.


Danni fisici: tali danni sono guasti hardware, causati da sbalzi elettrici, urti o usura, per cui il disco non è più riconosciuto dal sistema o che solitamente si manifestano con blocchi della lettura, impossibilità di accesso al supporto e rumori anomali. Il trattamento degli hard disk che presenta questo tipo di danneggiamenti deve necessariamente avvenire in un ambiente di lavoro asettico, denominato camera bianca, per la sostituzione e il ripristino delle parti danneggiate. La camera bianca, anche detta clean room, è un particolare ambiente di lavoro dove l’aria è molto più pulita del normale. La camera bianca adottata da InfoLAB Data è un ambiente in Classe 100 (ISO 5) dotata di un filtro a blocco totale delle particelle di polvere, così da renderla un locale isolato, per evitare che polveri o impurità possano depositarsi dopo l'apertura degli hard disk e danneggiare irrimediabilmente i dati in essi presenti.


Danni logici: i danni logici si verificano su supporti ancora funzionanti e solitamente comportano una perdita dei dati legata ad errori del file system oppure alla presenza di virus. A volte sono le azioni dell’utente stesso a causare la perdita dei dati, le più frequenti sono cancellazioni e formattazioni accidentali. In questi casi si può ricorrere a procedure diverse anche di tipo software.


In generale, nel caso di danni all’hard disk, la soluzione migliore è quella di spegnere il computer e soprattutto, quando è ancora funzionante, non tentare di scrivere informazioni sul disco che potrebbero andare a sovrascrivere i files di vostro interesse o di utilizzare software di recupero non professionali.
Sopratutto è d'obbligo non tentare mai di aprire l'hard disk in modo autonomo per evitare il danneggiamento della superficie.





_________________________________________________________________________________________________________

Recupero dati da dischi SSD

I dischi allo stato solido (Solid State Drive) sono ormai presenti in laptop, netbook e tablet già in larga misura ed iniziano ad approdare anche nei sistemi di storage aziendali.
Il disco SSD non utilizza organi in movimento, eliminando così le fonti del guasto meccanico (rottura testine, guasti del motore, Head Crash - contatto tra la superfice del disco e le testine). Invece, sono più vulnerabili nella parte elettronica e molti casi sono dovuti a guasti di componenti elettronici o rotture di natura fisica.





_________________________________________________________________________________________________________

Recupero dati da Unità Flash e Schede di Memoria

Le memorie flash e le schede di memoria SD/MMC sono utilizzate per drive USB (es. chiavette e pen drive), smartphone, telefoni cellulari, macchine fotografiche e videocamere digitali, iPod, iPad, tablet PC, player MP3.
Contrariamente alla convinzione molto diffusa dell'infallibilità di questi supporti, ci sono molti casi di perdita di dati. Alcuni problemi come la corruzione del file system, cancellazione dei files o formattazione sono simili ai problemi logici degli hard disk, mentre molti casi ben più gravi riguardano guasti dei componenti elettronici o le rotture fisiche.
Il Recupero dati di tutti questi dispositivi segue lo stesso simile processo tecnico.
InfoLAB Data ha sviluppato procedimenti di recupero di dati per risolvere questi casi e ricostruire le informazioni perse.
È tra i pochi laboratori che hanno sviluppato le tecniche e l’esperienza nel campo del recupero dati da telefoni con la possibilità di recuperare i dati non accessibili o cancellati come per esempio contatti, rubrica, foto, video, file, SMS, mail o altro.



PC-3000 Flash arriva in Infolab Data




_________________________________________________________________________________________________________

Recupero dati da chip Smartphone

In caso di distruzione fisica del telefono (per esempio dopo una caduta o schiacciamento), finchè il chip di memoria non si è danneggiato ci sono buone speranze di riavere i dati persi.

InfoLAB Data Italia in collaborazione con InfoLAB Croazia ha sviluppato un procedimento unico sul mercato in grado di recuperare i dati direttamente dal chip.
Può intervenire su molti tipi di chip di memoria, recupera dati da smartphone con i principali sistemi operativi Android, iOS, Windows Phone.



Novità assoluta in campo di recupero dati da smartphone danneggiati fisicamente




_________________________________________________________________________________________________________


Recupero da sistemi RAID/NAS/SAN

I Server con sistema RAID sono scelti da molte aziende per ospitare i server di database o di posta e applicazioni critiche come il sistema gestionale. Negli ultimi anni i sistemi RAID si trovano al centro di ambienti di virtualizzazione interno, dove il fallimento hardware diventa drammatico per la presenza di volumi multipli iSCSI.
Le unità NAS come le SAN, dotate di uno o più dischi in RAID, sono spesso in uso presso l’azienda come il file storage dipartimentale o come il sistema multimediale di casa grazie alla loro resistenza al guasto di un singolo disco, offrono grande spazio e l’uso condiviso in rete da parte di più utenti. Inoltre le SAN possono ospitare numerosi sistemi virtuali quindi un guasto causa gravi danni perchè i dati custodidi sono sempre di natura particolarmente importante.
Quando un Raid (Redundant Array of Independent Disks) presenta dischi multipli fuori uso allora i files ed i dati diventano inaccessibili ed il sistema si ferma, spesso con drammatiche conseguenze per l’azienda ed il suo business.
Il recupero RAID come il NAS e il SAN inizia come prima fase ricostruendo lo storage fisico in modo da riportare i dischi ad uno stato consistente per poter accedere poi ai dati. InfoLAB Data risolve velocemente e con grande affidabilità i casi di RAID falliti, anche grazie alla possibilità di lavorare i dischi danneggiati fisicamente all'interno della camera bianca professionale, risolvendo casi dove molti altri si fermano.
l recupero dati NAS è un'operazione complessa, il recupero di singoli dischi falliti è solo la preparazione alla successiva ricostruzione del raid. Il sistema interno di un NAS quasi sempre è controllato da un sistema Linux incorporato. La notevole complessità interna è mascherata da un’interfaccia utente semplice ed amichevole.
Il recupero dati da storage SAN e il più complesso tipo di recupero in assoluto e richiede notevoli conoscenze sistemistiche per gestire gli ulteriori livelli di astrazione che complicano il recupero, con possibili punti di guasto a livello di macchina virtuale.



Recupero dati da Server HP, il caso dell'HP Proliant ML350

Brutte esperienze con un NAS QNAP? Non sei solo...




_________________________________________________________________________________________________________

Recupero dati da Macchine Virtuali e Database

Nell'ultimi anni sempre più organizzazioni fanno affidamento alle tecnologie di virtualizzazione.
I file, in questi ambienti software, sono memorizzati all'interno di un sistema virtuale che funziona appoggiandosi ad un computer fisico. In questo modo è possibile operare parallelamente in diversi sistemi virtuali sempre all’interno dell’unico sistema operativo reale, sfruttando le stesse risorse fisiche. Questa tecnologia è particolarmente utilizzata nel campo dei mainframe e dei supercomputer, ma ultimamente viene utilizzata anche in aziende che in un unico computer virtualizzano diversi server. Ogni server virtualizzato contiene i propri dati come in un computer reale, quindi anche in questi sistemi virtualizzati è possibile che i dati possano andare persi!


L'impiego di macchine virtuali, come di database, introduce dunque un livello ulteriore di complessità nel recupero dati da hard disk perché le macchine virtuali sono ospitate in storage fisici (RAID, NAS e SAN). In questi casi il recupero dati inizia risolvendo i problemi del sistema di base, ricostruendo prima lo storage fisico in modo da riportare i dischi ad uno stato consistente, per poi risalire al datastore dove sono memorizzate le macchine virtuali.


InfoLAB Data recupera dati da macchine virtuali VMware, Microsoft Hyper-V, Citrix e Oracle VirtualBox.


Recupero dati da Storage DELL Equallogic PS4000 con macchine virtuali in VMware

Recupero dati da storage IBM DS3300 / IBM EXP3300 con 33 HDD e VMware


 
Torna ai contenuti | Torna al menu